Eolian Museum

Eolian Museum

Regione Sicilia 01-Apr-2018

Il Museo di lipari

Il complesso museale

“Fonte Reg. Sicilia” sorge sul roccione riolitico del “Castello” di Lipari “Museo Eoliano”; un’imponente cupola di formazione vulcanica con caratteristiche di fortezza naturale dove gli abitanti si sono insediati in tutti i periodi in cui si è sentita una necessità di difesa.

Le testimonianze di questi insediamenti sono oggi in parte visibili, Planimetria scavi del Museopianoro sommitale della rocca: capanne dell’Età del Bronzo, su quattro livelli sovrapposti; strutture di Età Greca e Romana; impianto urbano del II sec. a.C., grazie all’intensa attività di scavo sistematico avviata a partire dagli anni ’50.

Fino alla metà del XVI secolo la rocca del

“Castello”

, la “Cittàde” nella vecchia dizione popolare, conservava il suo aspetto naturale; costituito da pareti rocciose per tutta la sua altezza e da alcuni tratti di fortificazione sulla sommità di queste. L’aspetto attuale gli deriva dalle possenti cortine a scarpa delle fortificazioni erette subito dopo l’attacco del pirata tunisino Kaireddin Barbarossa; che nel 1544 aveva conquistato e distrutto – Torre di età Greca la città.

Sul lato Nord, le fortificazioni spagnole hanno inglobato la torre a difesa piombante di Età Normanna, la quale aveva compreso una torre di età greca, probabilmente del IV sec. a.C.; oggi ancora visibile per tutta la sua altezza. Le diverse Sezioni in cui il Museo è articolato e le sue infrastrutture (uffici, biblioteca, depositi, servizi aggiuntivi, ecc.), trovano sede in diversi edifici storici; a cui si aggiungono anche – Planimetria Del Museo i fabbricati novecenteschi del campo di confino fascista.

Il Museo, costituito da sei padiglioni; che accolgono rispettivamente: la Sezione Preistorica, Epigrafica, delle Isole Minori, Classica, Vulcanologica, di Paleontologia del Quaternario; documenta ed illustra, attraverso i complessi dei reperti esposti, gli insediamenti umani e lo sviluppo delle civiltà succedutesi, nell’Arcipelago Eoliano, dalla Preistoria alle soglie dell’Età Moderna.

Il percorso scientifico è agevolato dal ricco ed esaustivo apparato didattico; che si articola su due livelli: didascalie con caratteri di colore rosso, forniscono in lingua italiana ed inglese informazioni essenziali ad una visita rapida; testi esplicativi con caratteri di colore nero; forniscono in lingua italiana; informazioni ampie e dettagliate ad una visita ragionata e scientificamente completa.

Disponibili per la consultazione del pubblico sono inoltre; all’interno della Sezioni Preistorica, Isole Minori e della Classica; delle postazioni informatiche di facile accesso; per quanti vogliano più ampi spunti di approfondimento; e sui complessi esposti nel Museo, e sulle emergenze archeologiche e/o monumentali del Castello.

Related Events